TASSE IN AUMENTO, CI LIBERIAMO DAL FISCO SOLO IL 4 GIUGNO

A seguito dell’aumento della pressione fiscale che, secondo il Ministero dell’Economia, nel 2019 è destinata ad attestarsi al 42,3 per cento (+0,4 rispetto l’anno prima)[1], solo il prossimo 4 giugno gli italiani celebreranno il tanto sospirato giorno di liberazione fiscale (o “tax freedom day”). Rispetto al 2018, fa sapere l’Ufficio studi della CGIA, il contatore del fisco si rimette in moto: di un solo giorno, ma torna a crescere.

In altre parole, dopo più di 5 mesi dall’inizio del 2019 (pari a 154 giorni lavorativi inclusi i sabati e le domeniche), il contribuente medio italiano smette di lavorare per assolvere a tutti gli obblighi fiscali dell’anno (Irpef, accise, Imu, Tasi, Iva, Tari, addizionali varie, Irap, Ires, etc.) e dal 4 giugno inizia a guadagnare per se stesso e per la propria famiglia [2].

Se, invece, consideriamo che la giornata lavorativa inizia convenzionalmente alle 8:00, ogni giorno ciascun italiano medio lavora per pagare le tasse e i contributi fiscali sino alle 11:23, vale a dire quasi 3 ore e mezza al giorno. Mentre gli rimangono solo 4 ore e mezza per “costruirsi” il reddito o la retribuzione netta [3].

Trattasi, ovviamente, di un puro esercizio teorico; tuttavia, questa analisi è interessante perché dà la dimensione, quando la si compara con i risultati degli altri paesi europei, di quanto sia smisurato il prelievo fiscale e contributivo in capo agli italiani.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTCOLO

 

[1] Ministero dell’Economia e delle Finanze, “Aggiornamento del quadro macroeconomico e di finanza pubblica”, Tabella II. 1-7 di pag. 13, dicembre 2018.

[2] In che modo si è giunti a individuare il 4 giugno come il “giorno di liberazione fiscale” del 2019   ?  La stima del Pil nazionale del 2019 è stata suddivisa per i 365 giorni dell’anno, ottenendo così un dato medio giornaliero. Successivamente, si sono considerate le previsioni di gettito dei contributi previdenziali, delle imposte e delle tasse che i percettori di reddito verseranno nel 2019 e sono stati rapportati al Pil giornaliero. Il risultato di questa operazione  ha consentito di calcolare il “giorno di liberazione fiscale” di quest’anno.

[3] Si è giunti a questo risultato moltiplicando la percentuale che esprime la pressione fiscale nazionale per le 8 ore di lavoro giornaliere. Si è ipotizzato che ogni ora di lavoro abbia la stessa resa in termini di guadagno.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.