Saldo e stralcio via smartphone: ecco come si fa

Con il servizio Fai-da-te di Agenzia delle entrate-Riscossione, è possibile presentare dal computer, smartphone o tablet, la domanda di adesione al provvedimento

Con il servizio Fai-da-te di Agenzia delle entrate-Riscossione, è ora possibile presentare dal computer, smartphone o tablet, la domanda di adesione al provvedimento contenuto nella legge di Bilancio 2019 che, ad oggi, ha fatto registrare circa 22 mila richieste, inviate tramite posta elettronica certificata o presentate allo sportello.

A dare notizia della digitalizzazione della procedura di riduzione dei debiti fiscali e contributivi per le “persone fisiche in situazione di grave e comprovata difficoltà economica” è l’Agenzia delle entrate-riscossione con una recente nota.

Saldo e stralcio: in cosa consiste l’agevolazione

L’agevolazione consente di pagare in forma ridotta i debiti fiscali e contributivi, affidati alla riscossione dal 2000 al 2017, con una percentuale che varia dal 16 al 35% dell’importo dovuto già “scontato” delle sanzioni e degli interessi di mora. Il termine entro il quale va presentata la domanda è il 30 aprile 2019.

I beneficiari

Possono aderire al saldo e stralcio le persone fisiche con Isee del nucleo familiare non superiore a 20 mila euro, “e che abbiano debiti affidati all’agente della riscossione tra l’1/1/2000 e il 31/12/ 2017, derivanti, esclusivamente, dall’omesso versamento delle imposte dovute in autoliquidazione, in base alle dichiarazioni annuali e dei contributi previdenziali spettanti alle casse professionali o alle gestioni previdenziali dei lavoratori autonomi Inps

Il provvedimento è riservato anche ai soggetti per i quali, alla data di presentazione della dichiarazione di adesione, risulti già aperta la procedura di liquidazione prevista dalla c.d. “legge sul sovraindebitamento” (art. 14-ter, legge n. 3/2012) e ai contribuenti che, nel rispetto delle condizioni ex lege, hanno aderito alle “rottamazioni delle cartelle” (DL n. 193/16 e DL n. 148/17), indipendentemente dal pagamento di alcune rate.

Quanto si paga

Attivando la procedura, sarà possibile corrispondere il “quantum debeatur” scontato delle sanzioni e interessi di mora, e pagando una percentuale parametrata alla situazione economica del contribuente: 16% dell’importo in caso di Isee non superiore a 8.500 , 20% con Isee da 8.500 fino a 12.500 , e 35% se l’indicatore economico segna valori tra 12.500 e 20.000.

Modalità di utilizzo

Per utilizzare Fai-da-te ci si collega al sito www.agenziaentrateriscossione.gov.it, si entra nella sezione “Saldo e stralcio“, si clicca su “Presenta la domanda online con il servizio web Fai da te” e si compila il modello di adesione (modello SA-ST).

NB – il servizio è presente anche nell’area riservata del portale dove, accedendo con le proprie credenziali (codice fiscale, pin e password), non è necessario allegare alcuna documentazione di riconoscimento ed è possibile inviare la domanda di adesione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.