Relazione sulle banche venete: nessuna analisi politica!

La relazione della “Commissione d’Inchiesta sui gravi fatti riguardanti il sistema bancario in Veneto”.

Il Consiglio regionale approva a maggioranza la proposta di Relazione finale sui gravi fatti riguardanti il sistema bancario in Veneto. Il Consiglio regionale del Veneto ha approvato, con 33 voti favorevoli e 10 contrari, la Proposta di Relazione finale sui gravi fatti riguardanti il sistema bancario in Veneto, dopo la relazione della consigliera Negro e alcuni interventi che si sono succeduti in aula consiliare durante la discussione generale.

La Commissione d’inchiesta si è insediata il 15 febbraio 2018. Dal suo insediamento la Commissione ha tenuto sedici sedute, tredici delle quali destinate a complesse, rilevanti e partecipate audizioni. I contenuti conoscitivi della Relazione finale della Commissione d’inchiesta si fondano sugli elementi informativi assunti proprio nel corso delle sedute di audizione, nonché sulla documentazione acquisita e le relazioni prodotte dai soggetti auditi, sull’attività di studio e ricerca svolta dal Gruppo di lavoro, conclusasi verso la fine del mese di ottobre 2018. La Relazione si articola in tre Sezioni: Prima, ‘Contesto e inquadramento giuridico’ che, oltre a rappresentare le ragioni che hanno indotto all’istituzione della nuova Commissione consiliare d’inchiesta e a riassumere l’attività da questa svolta, dedica un capitolo all’Istituto delle Banche popolari. Riporta, inoltre, un confronto con le banche popolari in Europa. Le Sezioni Seconda e Terza propongono invece l’analisi e la lettura critica dei fatti oggetto dell’attività conoscitiva svolta dalla Commissione. Lo studio si articola nella disamina dei  ‘Prodromi della crisi’ (Sezione Seconda), cui segue quella relativa a ‘Il precipitare della crisi’(Sezione Terza).

Chi vuole approfondire vi allego la  relazione presentata dalla commissione Banche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.